I trigger tools in ostetricia e ginecologia: uno strumento rapido ed efficace del rischio clinico

Ridurre gli incidenti e gli errori ospedalieri e le conseguenti richieste di risarcimento. A questo contribuisce il progetto TRIGGER, attraverso lo strumento informatico sviluppato nell’ambito dell’applicazione Rischio Clinico del sistema TaleteWeb Sanità, rivolto ai Dipartimenti materno-infantile delle Aziende Ospedaliere.

L’iniziativa si rivolge all’area ostetrica, scelta considerando che la mappatura degli incidenti indica che l’Ostetricia-Ginecologia in termini di frequenza è la quarta specialità̀  in cui si verifica la maggior parte degli eventi che generano richieste di risarcimento da parte dei pazienti. In termini di importi liquidati, quest’area raggiunge invece il primo posto tra le Unità di rischio responsabili degli eventi.

Per testare la semplicità d’uso di questa nuova funzionalità, è possibile richiedere, a titolo assolutamente gratuito, un account di prova in una versione dimostrativa della nostra applicazione, fruibile direttamente on line.

Per richiedere l’account di prova: clicca qui e indica nel campo messaggio: richiesta account di prova per testare funzionalità trigger in ostetricia per …………. indicando la motivazione (es. studio, ricerca, attività professionale ecc.). E’ indispensabile che indichi un indirizzo e-mail valido

Ti sarà inviata unitamente alla username e alla password di prova, una semplice istruzione per l’accesso alla versione di prova della nostra applicazione, per farti testare l’utilizzo dei trigger in ostetricia e ginecologia.

Si è preso come riferimento l’esperienza dell’Institute for Health Care Improvement che ha messo a punto una “Trigger Tool Methodology” per identificare con precisione gli eventi avversi e misurarne il tasso di accadimento. Tale metodologia consiste in un’analisi retrospettiva di un campione di cartelle cliniche utilizzando degli ‘indizi’ o ‘campanelli di allarme’ (i cosiddetti “trigger”) che possono essere indice di un possibile evento dannoso per il paziente. La metodologia è rivolta all’area ostetrica ed ha come obiettivo quello di migliorare la sicurezza nell’area parto rendendo più efficiente il meccanismo di intercettazione degli errori.

Il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, inoltre, in un documento guida relativo al miglioramento della sicurezza del paziente in Ostetricia e Ginecologia ha evidenziato la necessità di strutturare, in ciascuna unità operativa, un processo formale per la identificazione di quegli elementi critici che possono interferire con l’erogazione di una prestazione sicura e di qualità. Si sottolinea soprattutto l’importanza di costruire sistemi di segnalazione volontaria, sistemi di incident reporting, in cui segnalare una serie di eventi critici o trigger per poi analizzarli con metodologie di revisione dei casi che si basino su un approccio di sistema, quali l’audit, in cui si considerano le criticità organizzative e si individuano ipotesi di miglioramento basate su soluzione di tipo socio-tecnico.

Il sistema TaleteWeb Sanità, applicazione “Rischio Clinico”, mette a disposizione dei dipartimenti materno – infantile ed in particolar modo delle UOC di ostetricia e ginecologia, a supporto della metodologia, una piattaforma software per:

  • effettuare le segnalazioni volontarie di eventi avversi già configurate, per le unità operative di ostetricia e di ginecologia, con i relativi trigger.
  • Un sistema di reporting che consente di analizzare i trigger o eventi critici
  • Gestire informaticamente e con un approccio di sistema eventuali azioni reattive e proattive
  • Gestire gli audit clinici per valutare criticità organizzative e individuare ipotesi di miglioramento .

Il sistema consente inoltre la gestione integrata delle attività proattive e di miglioramento mettendo a disposizione funzionalità per:

  • Analizzare campioni di cartelle cliniche utilizzando indizi  e campanelli d’allarme (i trigger).
  • Gestire valutazioni HFMECA per valutare l’IPR (indice di priorità del rischio) nei PDTA di Ostetricia
  • Gestire gruppi di miglioramento con approccio metodologico e strumenti tipici del project management.

In sostanza uno strumento completo per il miglioramento della sicurezza in sala parto con l’obiettivo di erogare prestazioni sicure e di qualità e al tempo stesso di abbattere le richieste di risarcimento da parte dei pazienti riducendo drasticamente gli importi liquidati.