Scienze infermieristiche


Vai ai contenuti

Studio Cataldi

Studio sulla coniugazione delle Diagnosi Nanda I al modello
delle prestazioni Infermieristiche
di Stefano Marconcini e Marco Grassi

Con il presente lavoro viene dimostrato la possibilità di coniugare le diagnosi Nanda I con il modello delle Prestazioni Infermieristiche. Lo studio è stato effettuato su un campione di 55 utenti con problemi di dipendenza patologica, da un gruppo di 15 Infermieri successivamente sottoposti a questionario per validare l'efficacia dell'ipotesi di ricerca. La documentazione infermieristica utilizzata nel progetto consta di una Cartella Infermieristica rappresentata da una scheda di valutazione infermieristica, da una pianificazione assistenziale attraverso il modello concettuale delle prestazione infermieristiche sviluppato con le diagnosi Infermieristiche Nanda. Nella scheda di dimissione infermieristica, erano riportati i dati del paziente, il grado di necessità di assistenza alla dimissione, le diagnosi infermieristiche principali, il punteggio iniziale e finale della scala di valutazione. L'esito del processo assistenziale, veniva così ottenuto dal livello di realizzazione degli obiettivi assistenziali pianificati secondo i seguenti score: "conseguiti, parzialmente conseguiti, non conseguiti". La sperimentazione della cartella infermieristica utilizzata è stata effettuata con il protocollo di ricerca che prevede 5 fasi applicative.
Scarica l'articolo completo

La Prevenzione degli Episodi di Vomito nel paziente in Stato Vegetativo
Persistente in Net con modalità Continua via Peg
di Dr Belfiore Daniele Antonio
Fondazione Casa di Cura , Santa Maria Ausiliatrice Onlus , Bergamo , Italia

Introduzione:
Lo stato vegetativo persistente è una condizione successiva allo stato di coma, caratterizzato da incoscienza permanente, il supporto nutrizionale per via enterale è utilizzato maggiormente perché e la modalità di nutrizione più fisiologica rispetto altre nutrizioni, le vie di accesso per la Net a lungo termine sono la Peg e la D -Peg. Gli episodi di vomito sono una delle complicanze più frequenti nei pazienti in SVP sottoposti a Net con modalità Continua o Intermittente, tali episodi di vomito coinvolgono circa il 10-20% dei pazienti sottoposti a tale supporto nutrizionale.
Materiali e Metodi:
Lo studio personale realizzato si è basato sull’analisi critica dei risultati ottenuti da una ricerca di tipo osservazionale della durata di 3 mesi su 20 pazienti in SVP sottoposti a Net con modalità continua con pompa peristaltica attraverso la Peg.
Risultati:
I risultati ottenuti da tale monitoraggio degli episodi di vomito a permesso di individuare le cause d’insorgenza degli episodi di vomito alimentare e le azioni più efficaci da attuare per evitare tali eventi. L’andamento del tasso d’incidenza nel corso dei 3 mesi di monitoraggio è apparso in diminuzione del 50%, verosimilmente in conseguenza ai provvedimenti preventivi messi in atto, l’attuazione degli interventi hanno dato esiti positivi con una riduzione degli episodi di vomito in corso di monitoraggio e un miglioramento dello stato di salute generale.

Scarica l'articolo completo.

L'importanza degli aspetti Psicologici nei corsi di formazione
di Antonio Marchesani

Il Benessere Organizzativo è un modello di ricerca che definisce un' organizzazione efficace e produttiva se assicura un adeguato grado di benessere fisico e psicologico ai propri lavoratori: valuta gli aspetti critici e le positività degli ambienti di lavoro. Sappiamo che negli operatori delle relazioni di aiuto spesso si va incontro a manifestazioni/burnout che portano all'esaurimento emozionale e ad un atteggiamento di distacco sul lavoro. Inoltre nell'interazione tra persona e ambiente si può inserire facilmente uno stato emozionale di Stress. Una recente definizione della Commissione europea indica lo "stress lavorativo" come l'insieme di reazioni emotive, cognitive, comportamentali e fisiologiche ad aspetti avversivi e nocivi del contenuto del lavoro, dell'organizzazione del lavoro e dell'ambiente di lavoro. Questo quando siamo nella teoria, cioè nella mente, ma cosa succede nel vissuto dell'operatore a continuo contatto con il suo paziente?
C'è uno spazio, un angolo dove poter esprimere le sue ansie mobilitate dall'incontro con il suo paziente "cieco e sordo"?
C'è la possibilità di uscire dalla competizione e volersi bene?

Scarica l'articolo completo.

Cassazione: Infermiere saltuario? Non è esercizio abusivo della professione.
Messaggio di allerta dalla parte dei cittadini.
di Carla Lara D'Errico

"Cari colleghi, con amarezza vi porto a conoscenza di un grave episodio che contribuisce pesantemente a negare il rispetto della nostra professione e la tutela dovuta alla collettività.
E' di questi giorni la notizia che la Corte di Cassazione ha emesso una sentenza n° 14603/2010- in cui sancisce che chi s'improvvisa infermiere senza averne l'abilitazione non commette alcun reato, purché sia attività saltuaria, non retribuita e svolta solo per sopperire alla carenza di personale infermieristico. Con questa sentenza è stato annullato un doppio verdetto di condanna ed è stata assolta una coordinatrice di una casa di riposo che, pur non essendo infermiera, aveva svolto attività tipicamente infermieristiche (aveva tentato di praticare un prelievo ematico e in altre occasioni aveva eseguito iniezioni sotto cute - insulina - o intramuscolo ai pazienti ricoverati).

Scarica l'articolo.



Risponde l'esperto: Ma gli infermieri hanno dei diritti.......?
di Elisabetta Vasallucci

L'altro giorno girovagando su " Facebook" in cerca di qualcosa di interessante, leggo un bellissimo articolo riportato da un mio amico, scritto dalla dott. Carla Lara D'Errico, che parla di una donna condannata in primo e secondo grado e poi assolta dalla Cassazione, per l'accusa di esercizio abusivo della professione infermieristica. Siccome la maggior parte delle persone che conosco, compresi i miei genitori, svolgono questa professione e siccome conosco la dottoressa che stimo e ammiro da diversi anni, mi sono scaricata l'articolo e dopo averlo letto mi sono convinta sempre di più che non è vero che la giustizia in Italia non funziona, la giustizia in Italia non esiste proprio.
Scarica l'articolo


NEWS CORSO DI FORMAZIONE ECM
"LA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA:
COME CAMBIA IL MANAGEMENT SANITARIO."
15 PRILE 2014 - ore 8,30 - 19,30
Auditorium Aula Totti Azienda Ospedali Riuniti Ancona
Vai alla pagina per informazioni


NEWS CORSO DI FORMAZIONE ECM
Incontro leopoldAinfermieri – Ancona
“Il Nuovo Infermiere e le competenze avanzate”
11 aprile 2014 - ore 14-19
“Audirorium Totti”, Ospedali riuniti di Ancona
Vai alla pagina per informazioni


ATTI DEL CORSO DI FORMAZIONE ECM:
"La comunicazione efficacie nella relazione d'aiuto in ambito socio sanitario" Sorso 13 Dicembre 2013
Vai alla pagina per scaricare il materiale

ATTI DEL CORSO DI FORMAZIONE ECM
Leader nelle professioni Sanitarie: Problem Solving e Decision Making
Scarica il compendio a cura di:
Stefano Marconcini e Maurizio Ercolani

Elaborazione ed Analisi del Sistema di Rilevazione dei Carichi di Lavoro
per il Servizio Infermieristico Territoriale

di Nicola de Flandre

L'elaborazione dei carichi di lavoro ha assunto un ruolo fondamentale nel nuovo assetto organizzativo delineato per la pubblica amministrazione italiana dal D.L.vo n. 29/93. L'ottimale allocazione delle risorse di personale è infatti condizione necessaria per realizzare gli sperati recuperi di efficienza nel settore pubblico.
Il comparto sanitario, recentemente scosso al suo interno da una vera e propria rivoluzione culturale, non fa eccezione; la natura professionale del lavoro sanitario esalta piuttosto il ruolo strategico dell'elaborazione dei carichi di lavoro, che sono in primo luogo un importante strumento di gestione organizzativa, particolarmente utile in aziende di Know how quali i servizi sanitari, ove la risorsa umana (input) rappresenta contemporaneamente il maggior capitale (in termini di professionalità) e la fonte di maggiore costo economico.
Scarica il progetto

Cartella Infermieristica integrata
informatizzata Talete Sanità
di Gregorio Paccone

Di fronte alle nuove esigenze del SSN e in relazione alle nuove responsabilità professionali, attualmente la cartella sanitaria informatizzate è uno strumento indispensabile per pianificare gli interventi e ottimizzare i percorsi clinici/assistenziali.
Scarica la presentazione

La Ricerca Infermieristica: "Stato dell'arte e prospettive".
Sperimentazione di un innovativo protocollo di ricerca Infermieristica.
Tesi di Grassi Marco

Il duplice scopo di questa tesi è proprio quello di cercare una spiegazione a questo dilemma, andando a valutare nello specifico il rapporto che gli infermieri hanno con la ricerca, e individuare uno strumento utile alla sua diffusione. L'obiettivo quindi non è tanto quello di valutare le conoscenze specifiche nell'ambito della ricerca, poiché non è necessario che tutti gli infermieri svolgano studi autonomi o partecipino a progetti di ricerca. E' però fondamentale che tutti abbiano gli strumenti e il desiderio ad approcciarsi criticamente alla ricerca stessa, al fine di applicarne i risultati nella pratica quotidiana.
L'ipotesi su cui si basa questa tesi è che gli infermieri sono consapevoli della necessità della ricerca infermieristica, ma non possiedono il sostegno o la spinta necessaria a sviluppare dei progetti di ricerca in maniera autonoma. Obiettivo secondario di questa tesi sarà quindi quello di individuare uno strumento utile a superare le difficoltà o le diffidenze iniziali dei futuri infermieri ricercatori. Inoltre, per meglio comprendere le dinamiche in gioco sono stati condotti due studi paralleli: uno mediante somministrazione di questionario rivolto ad un gruppo di infermieri delle province di Lecce e Brindisi, teso ad evidenziare il rapporto dei colleghi con la ricerca. L'altro, più specifico, volto a sperimentare l'impatto e l'efficacia di una ricerca condotta presso una struttura sanitaria privata di Ancona, mediante l'adozione di una cartella infermieristica innovativa.

Scarica la tesi
Scarica presentazione


Piano emergenza neve tavoliere della Puglia.
di Nicola de Flandre

Il presente "Piano di Emergenza Condizioni Meteorologiche Avverse " fa riferimento a situazioni caratterizzate da precipitazioni sia nevose sia di piogge violenti per le quali si renda necessario attuare interventi immediati per garantire il servizio sanitario domiciliare, evitare gravi disagi alla popolazione afferente al Servizio e garantire condizioni di sicurezza per gli operatori interessati.
Scarica il piano.



Le diagnosi infermieristiche Nanda applicate al modello teorico di riferimento delle Prestazioni Infermieristiche e il Primary Nursing. Progetto cartella Infermieristica "Casa di Cura Villa Silvia".
di Stefano Marconcini

Durante la fase di progettazione della cartella infermieristica si è ritenuto opportuno utilizzare un modello concettuale flessibile e adattabile ai problemi assistenziali che abbracciano gli utenti che afferiscono alla Casa di Cura. Dopo un attenta analisi dei modelli concettuali è stato scelto il Modello delle Prestazioni Infermieristiche di Marisa Cantarelli, in quanto consente di pianificare l'assistenza con un metodo concettuale scientifico e perfettamente esaustivo per la risoluzione dei bisogni di assistenza infermieristica degli utenti che accedono alla casa di cura rispecchiando quella che è la realtà assistenziale Italiana. La tassonomia Nanda è risultata perfettamente applicabile a tale modello. Come modello organizzativo, essendo una struttura residenziale, si è scelto il Primary Nursing, con un Infermiere gestore di ogni singolo caso.
Scarica il progetto



Home Page | Presentazione | Guida all'uso dell'Infermieristica | Comitato scientifico | Tesi, PW ed altro | Leggi di interesse | Formazione | ECM 2014 | Formazione in Agorà Padova | LeopoldAinfermieri | Mappa del sito

-->
Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu